fbpx

COME PROTEGGERE GLI OCCHI DAI RAGGI UV
Uno dei fattori di rischio e causa di molte patologie oculari è da addebitarsi dalle radiazioni ultraviolette e radiazioni blu.
Le sorgenti di radiazioni UV sono classificate in naturali : il sole
Artificiali: lampade UV , lampade germicide , lampade abbronzanti, saldatrici ad arco elettrico e alcuni laser impiegati in medicina e nella industria.

DANNI AGLI OCCHI DA ESPOSIZIONE DEI RAGGI UV
L’Organizzazione Mondiale della Sanità in base alla letteratura scientifica ha identificato per quanto riguarda l’apparato visivo alcune malattie legate all’esposizione alle radiazioni UV

  • Carcinoma squamoso della cornea e della congiuntiva

  • Cataratta corticale

  • Degenerazione maculare

  • Pterigio ( tessuto fibroso bianco giallastro e vasi sanguigni che dalla congiuntiva si irradiano verso la cornea producendo una distorsione di essa e una opacizzazione)

ASSORBIMENTO DELLE RADAZIONI UV DA PARTE DEI TESSUTI OCULARI
Le radiazioni UV vengono assorbiti in maniera diversa dai vari tessuti oculari.
UVA (400-315 nm) vengono principalmente assorbiti dal cristallino.
UVB (315-280 nm) vengono principalmente assorbiti dalla cornea.
La radiazione blu (400-460 nm) arriva fino alla retina.

La luce blu puo’ essere:
La luce blu emessa dai display,smartphone,tablet e schermi televisivi e la luce naturale presente nelle radiazioni solari.
L’inquinamento di luce blu è tutto intorno a noi.
Non tutta la luce blu è nociva. Essa può essere suddivisa in due sottogruppi:

  • Luce blu-turchese è considerata non nociva

  • Luce blu-viola è considerata dannosa per la retina

Quest’ultima altererebbe lo strato pigmentato retinico, stimolando l’infiammazione e producendo radicali liberi che produrrebbero una degenerazione maculare.

Conseguenze di una lunga esposizione alla luce blu

Periodo breve:

  • irritazione agli occhi

  • secchezza degli stessi

  • stanchezza oculare

insonnia, la luce blu inibirebbe la secrezione di melatonina

Periodo lungo:

  • rischio di insorgenza di maculopatia

Come difendere gli occhi dai raggi UV e dalla luce blu dannosa

Allo stato attuale si possono proteggere le strutture oculari con apposite lenti filtranti.
Si possono utilizzare delle lenti filtranti da vista o da sole che hanno la capacità di bloccare i raggi UV e le radiazioni blu.
E’ stato visto che le radiazioni nocive per la retina sono quelle comprese tra 400-430 nm di lunghezza d’onda (blu-viola), mentre quelle comprese tra 430-460 nm di lunghezza d’onda (blu-turchese) risulterebbero poco significative riguardo ai danni che possono procurare.
I filtri efficaci per una buona protezione oculare devono eliminare tutti i raggi ultravioletti e anche i raggi blu-viola fino a 430 nm di lunghezza d’onda.
L’uso di lenti adibite a questo compito sono vivamente consigliate per una buona protezione oculare sin dalla giovane età in quanto i danni causati da queste radiazioni sono comulativi nel tempo e profondamente dannosi.